Professioni turistiche

 
La deliberazione di Giunta regionale n. 1515  del 24 ottobre 2011, ha approvato le disposizioni attuative della L.R. 4/2000 e s.m. per l’esercizio delle attività di accompagnamento turistico: guida turistica, accompagnatore turistico e guida ambientale-escursionistica.
Tale atto ha approvato i seguenti contenuti:
 
  • Disposizioni attuative della L.R. n. 4/2000 per l’accesso alle attività di accompagnamento turistico in Emilia-Romagna;
  • Disposizioni per lo svolgimento delle verifiche delle conoscenze linguistiche e del territorio regionale per l’accesso alle attività di accompagnamento turistico in Emilia-Romagna;
  • Disposizioni per la formazione delle figure di accompagnamento turistico di cui alla L. R. 4/2000: guida turistica – accompagnatore turistico- guida ambientale-escursionistica.
 
Per i cittadini stranieri, la relativa competenza spetta al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Ufficio per le politiche del Turismo - Via del Collegio Romano, 27 - 00186 Roma - Segreteria dr. Roberto Rocca – Ufficio Turismo tel. 0667232131 - posta elettronica ordinaria:turismo@beniculturali.it - posta elettronica certificata:turismo@mailcert.beniculturali.it.
 
Per l'attività di guida turistica
La guida turistica accompagna persone o gruppi nelle visite a musei, gallerie e scavi archeologici e ai siti regionali di interesse turistico illustrandone gli aspetti culturali, paesaggistici, naturali e produttivi.
L'esercizio della professione di Guida Turistica, con l'entrata in vigore della Legge Comunitaria 97/2013, è esteso al territorio nazionale.
La verifica delle conoscenze per accedere alla professione avviene tramite un colloquio orale con riferimento ai beni turistici dell'intero territorio regionale e alle competenze linguistiche (è richiesto il livello C2). Superata la prova, nel caso di possesso della laurea in lettere, archeologia o titolo equipollente, si può richiedere l'abilitazione alla professione e il rilascio del patentino. Nel caso non si sia in possesso di queste lauree è necessario frequentare un corso di 100 ore, a pagamento, alla fine del quale sarà necessario sostenere una verifica dell'apprendimento conseguito.
L'abilitazione vale per tutto il territorio regionale e, in ottemperanza alle norme europee, diventerà valida anche a livello nazionale Legge 97/2013 art. 3.
 
Per l'attività di accompagnatore turistico
L'accompagnatore turistico accompagna e assiste persone e gruppi in viaggi, sul territorio nazionale o all'estero; cura l'attuazione di programmi turistici e fornisce informazioni turistiche sulle zone visitate.
Per accedere a questo profilo la prova orale riguarderà soltanto le competenze linguistiche. Le lauree che permettono di non frequentare il corso di formazione sono quelle turistiche; nel caso di possesso di altre lauree occorre frequentare un corso di 150 ore di formazione e superare la verifica di apprendimento finale.
 
Per l'attività di guida ambientale escursionistica
La guida ambientale escursionistica illustra a persone o gruppi gli aspetti ambientali e naturalistici del territorio, compresi parchi e aree protette, zone espositive di carattere naturalistico ed ecologico con esclusione dei percorsi alpini, in particolare quelli che richiedono attrezzature specifiche.
L'abilitazione alla professione consente l'esercizio dell'attività in tutto il territorio regionale.
Per accedere è necessario anche in questo caso superare una prova orale relativamente ai beni naturali e paesaggistici di tutto il territorio regionale e alle competenze linguistiche. E’ necessario frequentare il percorso di formazione di 150 ore con superamento della verifica di apprendimento finale.
 
Percorso formativo e abilitazione professionale
La Provincia, nell’esercizio delle funzioni ad essa delegate, è l'ente pubblico di riferimento cui dovranno rivolgersi gli aspiranti accompagnatori turistici, guide turistiche e guide ambientali escursionistiche e si occupa:
  • dell’abilitazione alle professioni turistiche di accompagnamento; 
  • del rilascio agli abilitati del tesserino personale di riconoscimento che deve essere reso visibile durante l’attività professionale;
  • della redazione e aggiornamento dell’elenco, distinto nelle diverse professioni, di coloro che hanno l’abilitazione all’esercizio della professione;

della trasmissione annuale alla Regione, ai fini della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regionale, dell’elenco dei nominativi di coloro che si dichiarano disponibili all’effettivo esercizio della professione per la quale sono stati abilitati.

Soggetti attuatori dei corsi
I corsi di formazione e le verifiche integrative sono affidati agli Enti di Formazione che operano sul territorio e che devono essere preventivamente autorizzati dall’Amministrazione competente (Regione o Provincia) nell’ambito dei Piani di formazione professionale.
E possibile consultare la banca dati regionale Orienter i percorsi formativi (v. link sottostante) 

Per ulteriori informazioni:
Daria Dalcielo         -  tel 0521 931 899  e-mail: d.dalcielo@provincia.parma.it
Stefania Spaggiari  -  tel 0521 931 634  e-mail: s.spaggiari@provincia.parma.it